Vanitas

Edizione: 
2018
Larghezza: 
38
Altezza: 
24
Profondità: 
41
Anno Opera: 
2018
Tecnica
Ceramica, pietra lavica
Descrizione
VANITAS è una serie di sculture a forma di conchiglia in ceramica arricchite da pietre, fossili e minerali di diversa natura. La conchiglia a partire dai greci e i romani è sempre stata simbolo di nascita/rinascita e riconducibile al ventre materno. Nel XVII secolo, il simbolo della conchiglia comincia ad apparire nelle nature morte dei dipinti fiamminghi, le cui composizioni prendono il nome di Vanitas, ossia il sentimento di impotenza di fronte all’impermanenza delle cose terrene. In questi dipinti le valve aperte o il guscio vuoto erano oggetti ammonitori riferiti alla precarietà dell’esistenza umana, all’inesorabilità del trascorrere del tempo, alla natura effimera dei beni mondani. Nelle mie Vanitas la fragilità del materiale utilizzato sottolinea la precarietà dell’oggetto che ritorna a essere ventre, ospitando al suo interno elementi terreni (fossili e minerali) duraturi.